ATTIVAZIONE NUOVO CORSO DI LAUREA DELLA CLASSE LMG/Ol


LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA
(quinquennale)
 

RICONOSCIMENTO CREDITI

 

La Facoltà valutando, inoltre, l'ipotesi, di attivare a partire dal prossimo anno accademico 2006-2007, le prime quattro annualità del nuovo corso di laurea magistrale in Giurisprudenza, prende in esame, altresì, le possibilità di passaggio dal corso di laurea in Scienze Giuridiche alle annualità da attivare del corso di laurea magistrale, articolate nel modo seguente:

Gli studenti iscritti per l'anno accademico 2005-2006 al primo anno del corso di laurea in Scienze Giuridiche potranno iscriversi al secondo anno del corso di Laurea Magistrale coi seguenti debiti, oltre agli eventuali esami del primo anno del corso triennale non ancora superati:

  •  Economia politica, Economia aziendale e Statistica (5 crediti),

  •  Storia del diritto italiano (6 crediti),

  •  Filosofia del diritto (11 crediti, 10 se è stata già superata la prova di abilità informatica).

Gli studenti, che hanno già superato l'esame dell'insegnamento “a scelta" nel corso del primo anno di Scienze Giuridiche, non sono tenuti a sostenere l'esame dell'insegnamento integrativo a scelta del II anno del corso di Laurea Magistrale, per il quale chiedono l'iscrizione.

(Vengono riconosciuti i 12 crediti previsti per Diritto pubblico generale e Diritto costituzionale a chi ha superato l'esame di Diritto Costituzionale ed i 9 crediti previsti per Scienza delle Finanze e Politica economica per chi ha superato l'esame di Economia pubblica).

***

Gli studenti iscritti per l'anno accademico 2005-2006 al secondo anno del corso di laurea in Scienze Giuridiche potranno iscriversi al III anno del corso di Laurea Magistrale coi seguenti debiti, oltre agli eventuali esami del primo e del secondo anno del corso triennale non ancora superati:

  • Economia politica, Economia aziendale e Statistica (5 crediti),

  • Filosofia del diritto (11 crediti, 10 se è stata già superata la prova di abilità informatica),

  • Diritto tributario (6 crediti),

  • Linguaggio giuridico inglese (3 crediti, se non è stata superata la prova di idoneità linguistica).

  • Diritto ecclesiastico (8 crediti),

  • Diritto del lavoro (il modulo di 6 crediti).

A questi studenti vengono riconosciuti se superati i relativi esami, i seguenti crediti da far valere nel corso del terzo anno:

  • 9 crediti per Diritto commerciale,

  • 6 crediti per Diritto dell'Unione europea.

  • 6 crediti per il secondo insegnamento “a scelta".

(Vengono inoltre riconosciuti i 12 crediti previsti per Diritto pubblico generale e Diritto costituzionale I a chi ha superato l'esame di Diritto Costituzionale, i 9 crediti previsti per Scienza delle Finanze e Politica economica a chi ha superato l'esame di Economia pubblica e 3 crediti a, chi ha superato l'esame di Storia del Diritto italiano da far valere nel corso del V anno).

***

Gli studenti iscritti per l'anno accademico 2005-2006 al terzo anno del corso di laurea in Scienze Giuridiche potranno iscriversi al quarto anno del corso di Laurea Magistrale con i seguenti debiti, oltre agli eventuali esami del corso triennale ad eccezione della prova finale, non superati:

  • Economia politica, Economia Aziendale e Statistica (5 crediti),

  • Filosofia del diritto (11 crediti, 10 se è stata già superata la prova di abilità informatica),

  • Diritto tributario (6 crediti),

  • Linguaggio giuridico inglese (3 crediti, se non è stata superata la prova di idoneità linguistica).

  • Diritto ecclesiastico (8 crediti, se non già sostenuto),

  • Diritto del lavoro (il modulo di 6 cediti).

  • Diritto commerciale (il modulo di 6 crediti),

  • Diritto dell'Unione europea (3 crediti),

  • Diritto privato delle Comunità europee (6 crediti, se non già sostenuto),

  • Diritto pubblico comparato (6 crediti, se non già sostenuto),

  • Diritto penale I (4 crediti).

A questi studenti vengono riconosciuti, se superati i relativi esami i seguenti crediti da far valere nel corso del quarto e del quinto anno:

  • 9 crediti per Diritto amministrativo.

  • 6 crediti per Diritto processuale civile.

  • 6 crediti per Procedura penale.

  • 6 crediti per il terzo insegnamento “a scelta”.

(Vengono inoltre riconosciuti i 12 crediti previsti per Diritto pubblico generale e Diritto Costituzionale I a chi ha superato l'esame di Diritto Costituzionale, i 9 crediti previsti per Scienza delle Finanze e Politica economica a chi ha superato l'esame di Economia pubblica e 3 crediti a chi ha superato l'esame di Storia del Diritto italiano da far valere nel corso del V anno).