facoltà di
INGEGNERIA
salita Sperone 31 98166 S. Agata - Messina
web: http://ww2.unime.it/ingegneria
CORSO di LAUREA in
INGEGNERIA CIVILE

Presidente : Prof. Antonino D'Andrea


CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI

PROGRAMMA

DIARIO di ESAMI

ORARIO delle LEZIONI

PRENOTAZIONI ESAMI


CORSO DI RECUPERO E CONSERVAZIONE DEGLI EDIFICI

Corso di Laurea in: INGEGNERIA CIVILE
A. A. 2000-2001
Docente: Arch. Rosario Vilardo

________________

Premessa
L'ingegnere civile possiede l'opportunità di misurare la sua professionalità anche sull'amplissimo ambito degli edifici esistenti, determinato da un lato dalla vetustà del patrimonio immobiliare e dai rapidi processi d'invecchiamento dei materiali moderni e dall'altro, vista il nuovo interesse collettivo al riguardo, dalla straordinaria dotazione del Mezzogiorno, e marcatamente della Sicilia, di Beni culturali.

Obiettivi del Corso
Conservazione, recupero, restauro, pur attraverso un approccio metodologico differenziato, costituiscono attività che sottendono una mira comune: avere cura degli edifici per trasmetterli al futuro.
L'analisi e la salvaguardia degli elementi espressivi e materiali del patrimonio costruito costituiscono inoltre un ulteriore scopo comune alle operazioni comprese tra il restauro e la mera rifunzionalizzazione.
L'approccio all'edificio storico come documento e monumento, vale a dire come palinsesto dei segni della storia da un lato e come architettura, come sede di valori compositivi e spaziali dall'altro, costituirà pertanto un filo conduttore dell'intero corso, un momento unificante delle varie componenti disciplinari e interdisciplinari che costituiscono la materia, assieme ad approfondimenti sui suoi vari aspetti, teorici e metodologici, istituzionali e normativi.
Il nucleo fondamentale delle comunicazioni e delle esperienze che si proporranno, favorirà tuttavia un approccio essenzialmente tecnico-scientifico, perché il giovane ingegnere possa dotarsi di un proprio back-ground, specifico e coerente alla sua formazione culturale complessiva, senza velleità di sostituzione ad altre competenze professionali, ma anche senza timori reverenziali.
Le procedure e le tecniche di analisi diretta e indiretta degli edifici esistenti, siano essi fabbriche modeste oppure architetture notevoli, costituirà un primo, fondamentale momento formativo, articolato sulle procedure del rilievo manuale e digitale, sulla caratterizzazione chimica, fisica, meccanica e biologica dei materiali, delle patologie e dei fenomenni di degrado e di dissesto.
L'attività didattica si focalizzerà successivamente sulle tecniche di consolidamento e restauro, dai trattamenti superficiali ai consolidamenti statici, dalle procedure di bonifica dalle infestazioni a quelle da umidità. Si procederà quindi nella definizione concreta del progetto, approfondendone le varie fasi: dal momento analitico al piano degli interventi, le stime dei lavori, progetto di massima, definitivo e d esecutivo, gli elaborati tecnici, contabili e amministrativi. Ogni fase del programma sarà comunque accompagnata da esperienze concrete: le visite nei laboratori privati e pubblici del restauro e i sistematici sopralluoghi in cantiere, consentiranno allo studente di fare esperienza di interventi concreti, dal piccolo appartamento urbano alla grande abbazia normanna.

Argomenti trattati
Aspetti teorici: i termini, differenze concettuali e metodologiche - storia del restauro e dei restauri - i beni culturali - istituzioni e normativa - le carte del restauro - le Normal - la catalogazione

Processo di analisi: ricerca bibliografica e fonti documentarie - materiali da costruzione nell'edilizia storica - il rilievo, metodologie manuali e digitali - analisi di laboratorio, in situ, non distruttive - patologie delle superfici e statico-strutturali - meccanismi di degrado - degrado delle strutture e vulnerabilità sismica - le carte tematiche

Contenuti progettuali: interventi di conservazione, recupero, restauro - i materiali - le tecniche - invasività e reversibilità - interventi sulle strutture, opere provvisionali, conservazione, integrazione, sostituzione - elaborati del progetto

Cantiere: organizzazione, conduzione e sicurezza del cantiere - macchinari e personale - opere di salvaguardia, strutture provvisionali - visite periodiche in cantieri diversi - visite presso laboratori - atti ed elaborati di cantiere.

Bibliografia di riferimento:

A. Bellini (a cura di), Tecniche della conservazione, Franco Angeli, Milano, 1986
C. Brandi, Teoria del Restauro, Einaudi, Torino, 19772
L. Marino, Il rilievo per il restauro, Hoepli, Milano 1990
G. Rocchi, Istituzioni di restauro architettonico dei beni architettonici e ambientali, Hoepli, Milano 19902
G. Carbonara (a cura di), Trattato di restauro architettonico, voll. 4, UTET, Torino, 1996

| Bacheca di Facoltà ||  WEB Mail || HOME Facoltà || HOME C.d.L. |